Per due ragioni eminentemente razionali

Crick non leggeva quasi mai i giornali, per due ragio51dog6QGFfL._SX325_BO1,204,203,200_ni eminentemente razionali: primo, perché se fosse accaduto qualcosa di veramente importante lo avrebbe saputo dalla gente per strada mentre andava a lavorare; secondo, perché la sua attività nei servizi segreti lo aveva persuaso che le storie vere non raggiungono mai le pagine dei giornali. Lui leggeva la scienza.

Matt Ridely, Francis Crick – Discoverer of the genetic code, Harper Perennial (2006), traduzione L.V.

Parolacce che non si sono acclimatate

Sulla tastiera ci sono altre cinque ospiti, dall’aspetto esotico, j, k, wimages, x, y. Che ci stanno a fare? Ti serviranno solo quando scrivi parole straniere, ma stanno male in parole italiane: le userai solo in certe «parolacce» che non si sono acclimatate in Italia, come taylorismo e xenofobia […].

Bruno Migliorini, Gianfranco Folena, Piccola guida di ortografia, Olivetti (1957)

Quando una donna pensa da sola

«La strega come la concepivano a Salem – scrive Stacy Schiff – si è materializzataStacy_schiff_2011 nel tredicesimo secolo, quando la stregoneria e l’eresia si sono avvicinate. Con l’Inquisizione ha ottenuto il suo riconoscimento, dopo che un mito popolare ha ceduto il posto a una follia popolare. Le Alpi occidentali l’hanno iniziata a orge scandalose. La Germania l’ha lanciata per aria. È diventata prevalentemente femmina, più sensibile alle avance sataniche e con una maggiore malvagità innata, quando il mago si è fuso nella strega. Un testo influente del quindicesimo secolo ha condensato una mensola di fonti classiche per andare all’essenziale: «Quando una donna pensa da sola, pensa il male». Le spiegazioni rasentavano il paranormale, come accade di frequente in questioni di donne e potere. Seppur deboli nella volontà, le donne potevano diventare pericolosamente e insaziabilmente dominanti». La bravissima Stacy Schiff scrive anche che «[…] le streghe erano una comoda scusa per il medico ignorante».
Se alla stregoneria sostituite la pseudo-psicologia, ottenete il moderno ritratto della “donna che pensa da sola” (sottotitolo: “non guidata dall’illuminante pensiero di un maschio”). Quando mostra temperamento: «Eh, gli ormoni le danno alla testa» o, nella versione mestruale, «Capitela, poveretta, ha uno di quei giorni…». Quando non cede all’opinione del testosteronico di turno: «È così aggressiva, dominante!». Quando il dottore non ha una spiegazione per i suoi sintomi, la diagnosi è «un disturbo psicosomatico», al posto di un onesto «Mi dispiace, non so».
È vero, la donna ex strega che pensa da sola oggi non finisce sul rogo. Ma a un uomo, o di un uomo, chi dice queste scemenze cocenti?

La bravissima Stacy Schiff ha pubblicato The witches of Salem suThe New Yorker (7/9/15); traduzione L.V. La foto è di Wikipedia.

 

Vede in quella mano soltanto un pesce

A guardarla sulla carta, questa città fa pensare a due pesci all20150918_095943a griglia serviti sullo stesso piatto, o magari alle due chele di un’aragosta che quasi si sovrappongono (Pasternak la paragonava a un croissant rigonfio); ma non ha né un Nord, né un Sud, non ha Est né Ovest; non ti indica una direzione, sempre e solo vie traverse. Ti circonda e ti avvolge come una massa di alghe marine sotto zero, e più ti agiti, più ti dibatti da una parte e dall’altra cercando di orientarti, più ti smarrisci. Non ti aiutano molto nemmeno le frecce gialle agli incroci, perché sono tutte curve, anche loro. Non ti confortano: ti confondono. Se poi fermi un passante per chiedergli la strada, ecco che la sua mano guizza su e giù nell’aria, e l’occhio, senza badare all’uomo che farfuglia: «A destra, a sinistra, dritto, dritto», vede in quella mano soltanto un pesce.

Iosif Brodskij, Fondamenta degli Incurabili, traduzione di Gilberto Forti (Adelphi 1991). Nella foto (LV.) una pescheria di Venezia.