Da una corolla di spalle nude

82c7c16ad64ef1a457649c834e4cf904_w240_h_mw_mh_cs_cx_cyMio padre mi parlava spesso dell’attrazione che Gambetta, «quando era al potere», suscitava nelle belle donne. Lottavano fra loro per poter occupare uno sgabello ai suoi piedi. Lo si vedeva emergere da una corolla di spalle nude.

Jean Renoir, Renoir mio padre, traduzione di Roberto Ortolani, Garzanti (1963), Adelphi (2015)

Annunci

Le lastre di san Sebastiano

Lucia-Berlin-La-donna-che-scriveva-racconti-197x300@2xMi piace lavorare al pronto soccorso: almeno incontro qualche uomo. Uomini veri, eroi. Pompieri e fantini. Finiscono in continuazione al pronto soccorso. Le lastre dei fantini sono fenomenali. I fantini non fanno che rompersi le ossa, ma come niente, due bende e via, tornano a gareggiare. Hanno scheletri che sembrano alberi, ricostruzioni di brontosauri. Le lastre di san Sebastiano.

Lucia Berlin, Il mio fantino, in La donna che scriveva racconti, traduzione di Federica Aceto, Bollati Boringhieri (2016)

Quanta fatica devono fare gli storici

Al momento, tesoro mio, non so nemmeno se la guerra sia stata dichiarata. Si sentivano dire stupidaggini: sei corazzate ted9788822002600esche distrutte (o 12 o 100, perché no), oppure uno zeppelin abbattuto, oppure: ingresso dei francesi a Mulhouse, oppure ingresso dei tedeschi in Francia, oppure: i tedeschi vogliono conquistare la Bretagna, e altre storie di questa risma. […] Oh, come capisco quanta fatica devono fare gli storici per ristabilire i fatti avvenuti 1000 anni fa visto che non è possibile sapere nemmeno cosa stia succedendo adesso.

Irène a Marie da L’Arcouest a Parigi, 3 agosto 1914, in Marie Curie e le sue figlie, Lettere, Edizioni Dedalo (2013)

Mi sembra

La procedura a Roma voleva che anche quello che un testimone deponeva avSono-socievole-fino-alleccessoendolo visto coi propri occhi, e quello che un giudice stabiliva in base alla sua scienza più sicura, fosse espresso con questa formula: “Mi sembra”. Mi si fanno odiare le cose verosimili quando mi vengono date per infallibili. Mi piacciono queste parole che addolciscono e moderano la temerità delle nostre dichiarazioni: “forse”, “in certo modo”, “qualche”, “si dice”, “penso”, e simili.

Michel de Montaigne, citato in Ugo Cornia, Sono socievole fino all’eccesso – Vita di Montaigne, Marcos y Marcos (2015)

Sembrano fiammiferi travestiti da uomini

La piazza davanti al Palazzo d’Inverno è ampia, e la neve ne sfuma i confini. È smisurata come piazza quanto la Russia è smisurata come regno. Attraverso i vetri delle d457431a55aec83ef74c8158db1e9e2f_w240_h_mw_mh_cs_cx_cyfinestre, che hanno una tonalità giallastra, la si guarda come si guarda un lago gelato. Sale da essa una malinconia di pietra e di ghiaccio, come sale la nebbia da un lago vivo. Le persone che la attraversano sono minuscole, sembrano fiammiferi travestiti da uomini. Racchiusa tutt’intorno, unita alla città soltanto da strette vie d’uscita è come un distacco della città da se stessa, un modo di esprimere il suo esser remota. Lo zar era minuscolo di fronte a questa piazza, un piccolo prigioniero. Com’è spaurito un sovrano quando è assediato da una piazza grande, bianca e silenziosa! Chi non è abbastanza grande per governare diventa qui, per troppa vastità, un tiranno.
Una precoce sera invernale portò della fresca, morbida neve, che si mise a cadere insieme alle tenebre, come per rischiararle. Ma per quanto nevicasse, la piazza rimaneva profonda e il suo livello non sembrava alzarsi neppure di un centimetro. È troppo grande questa piazza! pensai. – Troppo grande!…

Joseph Roth, Viaggio in Russia, Adelphi (2007)

Cammina in incognito

Il buon Dio cammina in incognito per le strade della terra russa, libero da tutte le sue fastidiose incombenze che la vecchia religione di Stato aveva d457431a55aec83ef74c8158db1e9e2f_w240_h_mw_mh_cs_cx_cyavuto l’ardire di assegnargli, per legge è obbligato a non occuparsi di politica, è considerato inesistente dagli uomini di Stato in quanto la sua è una specie di concorrenza sleale. […] La maggior parte delle sue funzioni sono state rilevate dal partito comunista, che le ha suddivise fra un certo numero di piccole divinità. […] Le doti di onnipreveggenza e di onniscienza sono state ereditate dalla polizia di stato.

Joseph Roth, Viaggio in Russia, Adelphi (2007)