È il mio modo naturale di camminare

Goethe 1982 by Andy Warhol 1928-1987Fu in quel periodo che Goethe, quando usciva a passeggiare, cominciò a scuotere freneticamente entrambe le braccia intorno al corpo, suscitando occhiate allarmate tra i vicini. Alla fine spiegò a un amico di aver scoperto che questo dondolio esagerato delle braccia era un vestigio dell’animale a quattro zampe – dunque un’ulteriore prova che l’uomo e gli animali avevano un antenato comune. “È il mio modo naturale di camminare”, diceva, e non gliene poteva importare di meno se la società di Weimar trovava quello strano comportamento poco raffinato.

Andrea Wulf, L’invenzione della natura -Le avventure di Alexander von Humboldt, l’eroe perduto della scienza, traduzione di Lapo Berti, Luiss University Press (2017). Nella foto, Andy Warhol, Goethe (1982), Tate / National Galleries of Scotland.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...