Una fantasiosa bacchettona

Guerra e paceAlla mia memoria “Guerra e Pace”, quando l’ha letto per la prima volta ventun anni fa, è piaciuto moltissimo. Talmente tanto che lei, senza chiedermi un’opinione o il permesso, ha fatto qualche cambiamento. Per esempio aveva deciso che Natasha e Bolkonskij non si sposavano perché lui doveva partire per la guerra. Anatol Kuragin, Dolochov e il loro progetto di rapimento non c’entravano niente, per la mia memoria. Per non dire della complicità di Natasha in quel piano: una cosa così repellente, nella mia memoria, non è mai esistita. Bolkonskij in punto di morte? Lei aveva preferito lasciarlo lì sul campo di battaglia. Non a Borodino, però. Ad Austerlitz, mentre lui guardava il cielo e la bandiera, e Natasha arrivava vestita da crocerossina. E dire che, prima di Austerlitz, quei due non si erano neanche conosciuti. Che fantasiosa bacchettona, la mia memoria.

Descrivete Guerra e pace in cinque righe, Compito per la scuola media inferiore di Guerra e pace, con Paolo Nori, marzo-maggio 2017.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...