La parola scienziato

800px-thomas_phillips_-_mary_fairfax_mrs_william_somerville_1780_-_1872-_writer_on_science_-_google_art_projectNel 1834 William Whewell, professore a Cambridge, scrisse un articolo in omaggio a Mary Somerville, una studiosa scozzese i cui libri eruditi hanno riunito i campi precedentemente disparati della matematica, dell’astronomia, della geologia, della chimica e della fisica in modo così chiaro che i testi divennero la spina dorsale del primo programma di scienze dell’Università di Cambridge. Whewell chiamò Somerville scientist, scienziato, in parte perché man of science, uomo di scienza, sembrava fuori luogo per una donna; più significativamente perché il lavoro della Somerville era interdisciplinare. Lei non era una semplice astronoma, fisica o chimica, ma una pensatrice visionaria che aveva articolato le connessioni tra i vari rami d’indagine. Secondo Kathryn Neeley, biografa della Somerville, Whewell aveva coniato la parola scienziato non solo per disporre di un termine neutro di genere neutro. Whewell desiderava una parola che celebrasse attivamente «la peculiare illuminazione della mente femminile»: la capacità di sintetizzare campi separati in una singola disciplina.

Renée Bergland, Maria Mitchell and the Sexing of Science: An Astronomer Among the American Romantics, Beacon Press (2008), traduzione L.V. Grazie a Maria Popova, Brain Pickings (26/12/16). Nell’immagine (Wikipedia), Thomas Phillips, Mary Fairfax, Mrs William Somerville, 1780 – 1872, Scottish National Gallery, Edinburgh.

Annunci

3 thoughts on “La parola scienziato

  1. Questa versione dei fatti è una leggenda che circola da un bel po’ e ha ripreso vita quando è stata rilanciata dalla Popova. Ammetto che è intrigante ma purtroppo è falsa: Whewell suggerisce scientist per i cultori della scienza in generale e non perché la Somerville è donna. Un primo accenno, ma critico, lo fa nel 1834 in una review a On the Connexion of the Physical Sciences, libro della Sommerville ma è in Philosophy of the Inductive Sciences del 1840 che prende definitivamente posizione a favore del termine: “We need very much a name to describe a cultivator of science in general. I should incline to call him a Scientist. Thus we might say, that as an Artist is a Musician, Painter, or Poet, a Scientist is a Mathematician, Physicist, or Naturalist.” [fonte: Sydney Ross B.Sc. Ph.D. (1962) Scientist: The story of a word, Annals of Science, 18:2, 65-85, DOI: 10.1080/00033796200202722]

    Mi piace

      1. Immagino di sì e meno male che la sensibilità sta cambiando (ancora sempre troppo poco, secondo me) ma l’interpretazione di un fatto storico deve avere qualche appiglio a cui aggrapparsi e deve basarsi sulla sensibilità del tempo in cui accade (sempre che uno riesca a intercettarla)

        Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...