No, paura non ne avevo

65e217f397fea49a12d22a23c8abd548_w240_h_mw_mh_cs_cx_cyNo, paura non ne avevo. Ero incuriosita, mi attirava il rischio del futuro e il desiderio di organizzare per quanto possibile razionalmente la partenza. Nel frattempo dal punto di vista pratico le cose andavano piuttosto male: non sapevo l’inglese, all’arrivo a New York avevo settantacinque dollari di cui venticinque dovetti restituirli (era un debito), e non mi fu concesso il permesso di residenza permanente: la quota russa era stata completata e così bisognava attendere circa cinque anni.

Nina Berberova, Il corsivo è mio, traduzione di Patrizia Deotto, Adelphi (1989)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...