Così vendevano fiori e libri

C’era anche chi per colpa della guerra trovò moglie. È lo zio di Carmen Taracopntola che a Treviso iniziò con un banco sotto la loggia dei Cavalieri poi aprì una libreria che fu distrutta da un bombardamento e allora è ritornato al banco finché è morto. Sotto la loggia conobbe la fioraia che aveva il banco sempre sotto la loggia dei Cavalieri e la sposò. Così vendevano fiori e libri.

Gian Battista Martinelli, I librai pontremolesi, Tarka (2014)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...