Ecco perché

0d9475306253991d29929fa03be28754_w600_h_mw_mh_cs_cx_cyE come Eros governa lo scintillare degli occhi e aguzza le punte delle frecce, così Anteros svia gli sguardi e smussa l’acutezza dei dardi. È un dio benefico che ha la sua sede in mezzo ai morti. Non è affatto crudele come l’altro. Possiede il nepente che dà l’oblio e poiché sa che l’amore è il peggiore dei dolori terrestri, odia e guarisce l’amore. Tuttavia egli non ha il potere di cacciare Eros da un cuore che ne è occupato. Allora cattura l’altro cuore. Così Anteros lotta contro Eros. Ecco perché Sestilio non poté amare Septima.

Marcel Schwob, Vite immaginarie, a cura di Fleur Jaeggy, Adelphi (1972)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...