Costringendo Scarpia a risorgere

Molto più frequenti i casi di parrucche che prendevano fuoco ihqdefaultn scena: il più celebre accadde (come dubitarne) durante una Tosca, quando Maria Callas, dopo avere ucciso Tito Gobbi/Scarpia, gli si inchinò accanto e gli depose di fianco due candelabri. Uno dei suddetti arredi, fedele alle leggi della termodinamica, appiccò il fuoco all’acconciatura della soprano, la quale si rialzò e continuò a cantare senza accorgersi di nulla, costringendo Scarpia a risorgere e spegnerle l’incendio fingendo un abbraccio agonizzante dal quale la divina si liberò, dopo aver ringraziato con un sussurro il collega, spingendo Gobbi a terra e improvvisando sulle note dell’orchestra un accorato «E muori, farabutto!».

Marco Malvaldi, Buchi nella sabbia, Sellerio (2015). Foto, youtube.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...