Solo uomini

800px-Ruth_Bader_GinsburgRuth Bader Ginsburg: mia madre allora era già morta, e mio padre era molto preocupato perché non mi poteva mantenere. Poi il mese in cui mi sono laureata mi sono sposata con Marty, e [per mio padre] era tutto a posto. Potevo iscrivermi a legge. Se nessuno mi avesse assunto, avevo un uomo che mi manteneva.

Philip Galanes: sembra assurdo, ma aveva ragione: nessuno aveva assunto la donna che quell’anno si era laureata con il massimo dei voti.

Ruth Bader Ginsburg: c’erano parecchie aziende che avevano distribuito dei fogli [per raccogliere i nomi dei neolaureati da reclutare, e su quei fogli] c’era scritto: “Solo uomini”. E io avevo tre cose contro di me. In primo luogo ero ebrea, e le aziende di Wall Street avevano appena iniziato ad accettare gli ebrei. Poi ero una donna. Ma la cosa più letale [da quel punto di vista] era mia figlia Jane, che allora aveva 4 anni.

Philip Galanes, Ruth Bader Ginsburg and Gloria Steinem on the Unending Fight
for Women’s Rights, The New York Times (14/11/15), traduzione L.V. La foto del ritratto di Ruth Bader Ginsburg, giudice della Corte suprema statunitense, viene da Wikipedia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...