«Hai un po’ di bottoni?»

Un paio di anni fa ero a casa di mia mamma, a Basilicanova, in provincia di Parma, e ho visto in sala, sulla credenza, che c’era una di quelle scatole di latta grosse, che si usano per i biscotti, ed era piena di bottoni, e io, per prendere in giro mia mamma, non so perché ogni tanto io a mia mamma mi viene da prenderla in giro, quella volta lì mi ricordo le ho detto «Hai un po’ di bottoni?».
E lei mi ha guardato mi ha detto «C’è tutta la storia della nostra famiglia, in quella scatola lì». E, a pensarci, era vero: tutte le camicie le giacche i cappotti i pantaloni le gonne di quattro generazioni erano dentro quella scatola lì e se avessero potuto parlare avrebbero raccontato tutta la storia della nostra famiglia.

Ancora bottoni per Giorgio Gallavotti e il suo Museo del bottone a Sant’Arcangelo di Romagna. Da Paolo Nori, Se avessero potuto parlare (2011).

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...